Clan Zagaria e Bidognetti, 10 finiscono in carcere

CASAL DI PRINCIPE. I carabinieri della compagnia di Casal di Principe, guidati dal tenente Simone Calabrò e coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli di Napoli, stanno dando esecuzione ad un ordine di custodia cautelare in carcere nei confronti di 10 indagati, affiliati alle fazioni Bidognetti e Zagaria del clan dei Casalesi, responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso ed estorsione. Le attività estorsive, poste in essere nei confronti di numerosi imprenditori dell’agro aversano, vanno dal 2002 al 2014.


carabinieri casal di principe

L’indagine ripercorre oltre dodici anni di attività illecite portate avanti dalle due cosche dei Casalesi, una riconducibile a Francesco Bidognetti detto “Ciciotto e mezzanotte” e l’altra a Michele Zagaria. Di particolare interesse proprio l’aspetto relativo alla cosca di Casapesenna visto che l’ordinanza delinea un periodo storico che va dal dominio economico e morale dei clan sul territorio fino all’arresto del super boss, avvenuto in via Mascagni a Casapesenna nel dicembre 2011.




Condividi