Cumuli di rifiuti all’ingresso della scuola, arriva anche la polizia municipale

MARCIANISE. Una piccola discarica a cielo aperto che mette in allerta i genitori dei piccoli studenti dell’istituto Pascoli. E così, dopo l’incontro con la preside, in queste ore sarà presentato un esposto alle autorità competenti per la rimozione dell’immondizia.

 

Ieri mattina, una delegazione del Comitato Mamme per la Scuola d’Infanzia, ha nuovamente incontrato la preside della scuola Lener. Stavolta la motivazione non era la qualità della mensa, bensì il cumulo di immondizia che da settimane staziona fuori l’Istituto Scolastico “G. Pascoli”, in Via Veneto, 2.
“Parliamo di cumuli di sacchetti neri che stazionano nei pressi dell’entrata della scuola. Impossibile non vederli visto che sono nelle immediate vicinanze dell’ingresso. Sacchetti pieni di immondizia di ogni genere, e buste aperte, che attirano anche molti animali randagi della zona” hanno evidenziato dal Comitato.
Già tre settimane fa, erano state informate sia le maestre, che la Preside, la quale aveva rassicurato che in tempi brevi avrebbe fatto risolvere la situazione. Al ritorno a scuola le mamme si sono accorte che non era cambiato nulla e quindi hanno deciso di andare a parlare con la dirigente scolastica che ha evidenziato che il problema dipende probabilmente dal fatto che la ditta responsabile del servizio mensa non segue i criteri per la raccolta differenziata. C’è stato anche un confronto con le cuoche.


 

 

Intanto sul posto è giunta, allertata dalla preside, una pattuglia della polizia municipale di Marcianise che ha effettuato i rilievi fotografici nel punto dove le mamme hanno indicato la presenza dei cumuli di immondizia. Saranno proprio i vigili a seguire l’evolversi della situazione, mentre in queste ore sarà presentato un esposto a nome del Comitato Mamme per chiedere la rimozione dei sacchetti e la messa in sicurezza dell’area.

 

GUARDA LE FOTO DEI RIFIUTI A SCUOLA

(Le foto sono state scattate dal Comitato Mamme per la Scuola d’Infanzia)

 




Condividi