Gadola’s Dynasty: ecco il libellum del sommo Arnaldo

RECALE. Il sommo pentalaureato Arnaldo Gadola è stato sempre alla ricerca di nuove iniziative fin da ragazzo. Lui non ama né il palcoscenico e né la poltrona. Il suo motto è sudare, lavorare, ha la penna nel cuore anche se oggigiorno per stare al passo con i tempi usa la tastiera di un computer per poter sfogare  la sua verve letteraria, universitaria, giornalistica e attività legale di avvocato.

 

gadolaLaureatosi in Giurisprudenza, Scienze dell’Economia, Scienze Giuridiche e Scienze dell’Educazione e della Formazione, è da anni che si impegna per mantenere alto il suo nome anche per dare onore ai suoi antenati dedicando loro il suo 14esimo libro dal titolo: ”La Dinastia dei Gadola”.

 


Il penalista con una ricerca storica di notizie da fonti reali e attestate dal notaio dell’araldica Guelfi Camajani dove ripercorre le varie tappe di uomini illustri che hanno reso la Casata famosa con le origini di stampo nobiliare. Vive a Recale, alla quale ha dato tanto, ma non per ricevere. L’importante è impegnarsi per il prossimo, ama l’educazione, il rispetto, le persone che rispettano un accordo, tutti ingredienti che fanno parte del suo dna che purtroppo oggigiorno si contano sulle dita di una mano. La cultura aiuta ad essere più giusti, più onesti, non è una laurea che contiene questo senso ma il rispetto e la vera cultura insegnano il rispetto, l’educazione e la parola di uomo.

 

Purtroppo oggi si vive di arrivismo, invidia, falsità, cattiveria, business, come si prende per i fondelli gli altri. Arnaldo Gadola, invece, è un ottimo esempio di vita, di chi cerca di ritagliarsi un percorso quotidiano sempre più basato sull’onestà, sulla semplicità, sull’educazione, sul rispetto verso gli altri e soprattutto un uomo di parola come giustamente gli è stato impartito fin da piccolo dai suoi genitori.

 

Arnaldo Gadola ha la passione anche per la politica (in tanti lo stanno spingendo, tra questo il suo maximo sostenitore Luigino Barca), ma questo è campo dove un uomo onesto e serio come lui sembra solo utopia, e quindi dedica il suo tempo e le sue distrazioni sul campo letterario, ben sapendo che averlo lontano dalla politica non è un vantaggio e una fortuna per i cittadini che ci tengono veramente al progresso della cosa pubblica. Ad majora.




Condividi