Incredibile… C’è da ‘spostare’ un campo di calciotto

SANTA MARIA CAPUA VETERE. Questa è veramente assurda. Il comune è stato costretto a diversificare la localizzazione di un nuovo impianto sportivo, in quanto l’area su cui doveva sorgere è occupata abusivamente. E per non perdere il finanziamento, in attesa dell’espletamento delle lunghissime pratiche burocratiche per ottenere libera l’area, si è provveduto ad individuare un’altra zona per la realizzazione. Cosa da non credere.

Il progetto, un campo sportivo polivalente per un importo di 512 mila euro, doveva sorgere nell’area di proprietà comunale data in gestione alla società Real Gladiator che, nonostante i reiterati solleciti, non ha ancora lasciata la struttura.

Da qui la necessità di individuare una nuova area per la realizzazione del campo sportivo polivalente che sorgerà in un sito vicino a quello previsto in prima istanza e cioè su di un’area comunale già in passato utilizzata per l’installazione di un campo container per gli sfollati del terremoto del novembre del 1980 posta in corrispondenza della intersezione di via Raffaello e Via Michelangelo nel rione IACP.
La realizzazione del campo sportivo polivalente coperto è finanziata a valere sulle risorse del piano azione giovani “Sicurezza e legalità”, linea di intervento “Sport e legalità” e la progettazione è stata affidata all’architetto Laura Aurilio di Bellona.
                                                                                                                                                         ANTONIO TAGLIACOZZI



Condividi