Clan Belforte, arrestata la moglie del boss

SAN NICOLA LA STRADA/MARCIANISE. I Carabinieri della stazione di San Nicola la Strada (CE), in quel centro, hanno eseguito un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dalla Corte di Appello di Napoli nei confronti della pregiudicata Cortese Immacolata, cl. 1968, del luogo.

 

La donna, moglie del detenuto Bruno Antonio, detto “carosone”, referente del clan camorristico dei Belforte per i comuni di San Nicola la Strada e San Marco Evangelista (CE), è ritenuta affiliata al suddetto clan camorristico, pertanto ritenuta responsabile di associazione per delinquere di stampo mafioso, per fatti risalenti agli anni 2009-2010. L’arrestata è stata accompagnata presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

 


Antonio Bruno
Antonio Bruno

L’attività investigativa, avviata sin dal novembre 2009, ha permesso di raccogliere gravi elementi di colpevolezza a carico dei singoli indagati circa i reati di: 1. Associazione per delinquere di stampo mafioso in quanto quattro indagati sono fortemente indiziati di far parte del gruppo camorristico denominato ‘Belforte – Mazzacane’ operante nel territorio del Comune di Caserta, Marcianise, San Nicola la Strada e San Marco Evangelista.




Condividi