Elezioni, il gruppo dell’ex sindaco Tartaglione pensa al centrosinistra

MARCIANISE. Il grande inciucio. Qualcuno l’ha già definito così il clamoroso tentativo di ricongiungimento tra il centrosinistra e l’ex sindaco Antonio Tartaglione. Proprio così, il centrodestra potrebbe perdere di botto uno degli aspiranti alla fascia tricolore.

 

In realtà l’ex primo cittadino è pronto a giustificare l’eventuale intesa con l’asse Pd-Ncd, ormai consolidato a livello nazionale, ma certo sarebbe l’ennesimo segnale di un centrodestra dilaniato dalle divisioni e soprattutto poco convinto delle sue chances di vittoria.

 

Ecco che allora il gruppo di Antonio Tartaglione che formava l’ossatura della maggioranza consiliare di De Angelis con cinque esponenti in Assise, potrebbe iniziare il dialogo con il centrosinistra. Nel Pd però da  prime avvisaglie di questa coalizione allargata sono state rispedite al mittente, almeno da una parte del gruppo che sta avviando le trattative.

 


In questo momento la situazione più fluida riguarda proprio il fronte moderato ed è proprio lì che si gioca una partita decisiva per la formazione delle coalizioni. Gli ex Udc di Zinzi, confluiti in Forza Italia a livello provinciale, stavolta non possono che schierarsi con il centrodestra e questo comporterebbe un problema di vivibilità con Tartaglione, che fin dall’ultima fase della sua esperienza da sindaco, aveva fatto capire che con gli ex compagni di partito non sarebbe tornato né ora né mai.

 

sindaco-di-marcianise

Particolare attenzione va in questo momento alla Balena Bianca, il progetto che dovrebbe unire gran parte del fronte moderato ed al quale sta lavorando Massimo Golino che in queste ore ha lasciato il ruolo di vicesindaco al Comune di Orta di Atella.




Condividi