Vota l’assessore 2015 della Valle di Suessola: ecco le candidate

VALLE DI SUESSOLA. Belle, brave ed intraprendenti, vota l’assessore 2015 della Valle di Suessola.

Cinque giovani amministratrici dei Comuni di San Felice a Cancello, Santa Maria a Vico, Arienzo e Cervino, sono le protagoniste di questa sorta di simpatico sondaggio che abbiamo deciso di mettere in campo.

L’assessore rosa 2015 non dovrà essere votato per la bellezza ma soprattutto per la produttività, l’attivismo e i risultati portati al Comune di appartenenza.

Queste le candidate:

COMUNE DI ARIENZO

GIA’ VICESINDACO, ASSESSORE ALLA CULTURA, SPETTACOLO, TURISMO, SPORT E PUBBLICA ISTRUZIONE: Assunta D’Addio (anche mamma e in dolce attesa)

 

 

COMUNE DI CERVINO

ASSESSORE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE: Maria Grazia Stravino, sempre attiva a sostegno dei giovani.

 

 

COMUNE DI SAN FELICE A CANCELLO

ASSESSORE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE, POLITICHE GIOVANILI, ANZIANI, FASCE DEBOLI: Maria Lettieri, meneghina d’adozione, reduce dal successo della gita per gli anziani.

 

 

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO

ASSESSORE CON DELEGHE AD ASSETTO DEL TERRITORIO, PARCO URBANO, POLIZIA MUNICIPALE, VIABILITA’ E SICUREZZA STRADALE: Anna Cioffi ballerina e regina della frazione Rosciano con deleghe di peso

 

ASSESSORE CON DELEGHE A POLITICHE SOCIALI, RAPPORTI CON PRO-LOCO E ASSOCIAZIONI, LEGALITA’ E TRASPARENZA: Veronica Biondo imprenditrice del ‘lounge’ e veterana della compagnia nonostante la giovane età.

ECCO COME VOTARE

PER VOTARE BASTA ANDARE su facebook SULLA PAGINA FAN  ‘Edizionecaserta’ mettere ‘mi piace’ (se ancora non lo avete fatto) e accedere alla sezione dedicata in alto inserendo nello spazio riservato ai commenti il nome e cognome dell’assessore prescelto.


 

NEL GIORNO DELLA VIGILIA DI NATALE STILEREMO LA CLASSIFICA

La municipalità è un datore di lavoro spesso importante in cui le donne rappresentano, nella maggior parte dei casi, più della metà degli impiegati.

Nonostante questo, come accade nella funzione pubblica nazionale, le donne sono rare nei posti di direzione e, quando assumono tali funzioni, i campi assegnati sono quelli considerati spesso come femminili (il sociale o l’infanzia e non i trasporti o le infrastrutture).

Numerose sono le città che hanno adottato dei veri e propri piani di pari opportunità.

 

“Tutti i cittadini dell’uno o dell’altro sesso possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla legge [Cost. 3, 56, 58, 84, 97, 104, 106, 135; disp. att. Cost. XIII]. A tale fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra donne e uomini”.

È proprio così che recita l’Art. 51 della nostra Costituzione e grazie al quale, oggi per le donne è moto più semplice farsi strada nel mondo della politica e della pubblica amministrazione.

 

Già lo scorso maggio 2014 altro strumento, per accrescere il numero delle donne nella politica locale, era la possibilità di esprimere due preferenze per i candidati a consigliere comunale: una preferenza per un uomo, una per una donna (della stessa lista). Se l’elettore avesse scelto due candidati dello stesso sesso, la seconda preferenza sarebbe stata annullata.

Grazie alla “doppia preferenza”, nei comuni della Valle di Suessola, attualmente, ci sono donne che ricoprono cariche importanti.

ASSESSORE ROSAPer chi vincerà il sondaggio, oltre alla palma di reginetta degli enti locali della valle, ci sarà un servizio speciale che realizzeremo molto volentieri…




Condividi