Banda del buco in azione nella sede Scout, la risposta delle autorità

CAPUA. E’ emergenza criminalità in periferia. La scorsa notte, infatti, ignoti hanno fatto irruzione nelle sede del gruppo scout Agesci Capua 4.

 

I malviventi hanno fatto irruzione nel capannone adiacente ai locali della chiesa di San Cristoforo facendo un buco nel muro. E’ probabile che la gang sia entrata proprio attraverso quel pertugio. La banda era alla ricerca del rame e per questo motivo i sospetti sono concentrati su alcune gang straniere della zona. La chiesa si trova in via Martiri di Nassirya, a pochi metri dall’ex campo rom.

 

Un’incursione che ha comportato non solo il danneggiamento ingente dei locali ma anche il furto di materiali appartenenti ai giovani. Il consigliere comunale Giuseppe Chillemi, vicino per la sua formazione e storia personale al mondo degli scout e a quello cattolico, fa appello a Sua Eccellenza il Prefetto di Caserta Arturo De Felice.

 

“Esprimo solidarietà al gruppo scout Capua 4, che ha visto distrutta la propria sede e sottratti materiali e suppellettili utili per la propria attività. Purtroppo vicino alla Chiesa di San Cristoforo, in località via Martiri di Nassirya, dove c’è la sede scout, insiste l’ex CAPS, struttura preda di balordi e senza tetto, che resta in attesa dello sgombero una volta concluso l’iter della gara di bonifica ferma presso la stazione unica appaltante”.


 

“Ovviamente l’Amministrazione comunale e la comunità locale, turbata per questo vile gesto che ha visto quali vittime indirette ragazzi colpiti nell’animo da questo evento, non può che fare appello alla forte sensibilità e disponibilità di Sua Eccellenza il Prefetto di Caserta Arturo De Felice per quanto riguarda il potenziamento dei servizi di vigilanza del territorio,in attesa del completamento burocratico della gara, relativa alla progettazione esecutiva e all’esecuzione dei lavori relativi all’intervento per la valorizzazione e la trasformazione, previa bonifica, dell’area ex CAPS del comune di Capua” ha concluso Chillemi.

capua scout

“Questo gesto vigliacco ha aperto una ferita nell’animo di tanti capuani che hanno fatto parte della magnifica famiglia scout ma che pur allontanatisi dall’associazione sono rimasti legati affettivamente a tale mondo”




Condividi