Insegue e sperona l’auto dell’ex, arrestato un operaio

CASERTA. Quando l’amore diventa follia. E’ costata davvero cara una pazzia fatta dopo la rottura della storia con la sua ex ad un operaio 27enne di Caserta.

 

Il giovane è stato, infatti, arrestato e spedito in galera su disposizione del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Mantova che ha firmato l’ordine di carcerazione nei suoi confronti. Un provvedimento lampo arrivato ventiquattro ore dopo il suo gesto folle e notificato dai carabinieri della stazione di Viadana insieme ai militari del Nucleo operativo radiomobile della città lombarda.

 

Le ipotesi contestate all’uomo, che vive a Brescello sono quelle di stalking, lesioni ed omissione di soccorso. L’episodio contestato è avvenuto nel pomeriggio di mercoledì dopo un incontro organizzato dal giovane nel tentativo di ricomporre la rottura con la ragazza.

 

In realtà lei si sarebbe presentata all’appuntamento soltanto per ribadirgli la richiesta di smettere con quelle telefonate continue ed assillanti. Il ragazzo, però, non ne voleva proprio sapere della fine della loro relazione. I due iniziano una discussione animata ed è a quel punto che lei decide di andare via per evitare altre polemiche. Non basterà.


 

Dopo qualche metro si accorge che il suo ex la sta pedinando. Inizia un lungo inseguimento che dura diversi chilometri. All’improvviso il 27enne compie una manovra azzardata ed apparentemente inspiegabile: sperona la vettura dell’ex. La giovane perde il controllo dell’auto che finisce in un fossato.

 

auto-carabinieri-30841.316x176

Lei è ferita, ma il ragazzo non rinsavisce neanche di fronte a quella scena e tira via dritto, come se nulla fosse accaduto. La fidanzata viene trasportata al pronto soccorso e dimessa con qualche giorno di prognosi. Dopo una rapida attività di indagine per lui, invece, si sono aperte le porte del carcere. Il giovane è detenuto nella casa circondariale di Reggio Emilia ed è in attesa dell’interrogatorio di garanzia dove potrà spiegare la propria posizione.




Condividi