Raffica di denunce e schede ‘pezzotte’, nei guai in 12

MARCIANISE/SUCCIVO. Anche questo fine settimana, i carabinieri del Comando Provinciale di Caserta hanno eseguito  numerosi servizi di contrasto al fenomeno della illegalità diffusa con particolare attenzione al controllo della circolazione stradale nei pressi delle arre maggiormente frequentate dalla cosiddetta “movida notturna” dove,  soprattutto i giovani, con la voglia di divertirsi e spesso anche di trasgredire assumono alcool o droghe, seppur leggere, ma, nella maggior parte dei casi, in quantità tali da non permettere loro di porsi alla guida di veicoli in maniera lucida.

Tali condotte sono spesso causa di incidenti stradali, talvolta anche mortali.  L’Arma dei Carabinieri della Provincia di Caserta, in questo come nei precedenti  fine settimana, ha predisposto,  al riguardo, mirati servizi, conseguendo i seguenti risultati:


I Carabinieri della Compagnia di Marcianise, hanno deferito in stato di libertà 12 persone per vari reati in genere controllate n. 473 persone e nr. 292 veicoli, contestando le seguenti violazioni di norme al codice della strada: nr. 4  perguida senza aver mai conseguito la patente di guida; con contestuale  sequestro dei veicoli; 10 per omessa copertura assicurativa, con contestuale  sequestro di veicoli; 1   mancato uso del casco protettivo. Otto sono state le persone segnalate al Prefetto per detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti.

Sono poi denunciate in Stato di libertà 12 persone per vari reati tra cui  2 soggetti, un 51enne ed una 24enne, titolari di due distinti esercizi commerciali, ubicati in Succivo per violazioni alle norme “protezione del diritto d’autore di altri diritti connessi al suo esercizio”, per aver installato e utilizzato per uso pubblico e privato, apparati atti alla codificazione di trasmissioni audiovisive ad accesso condizionate, il primo mentre la seconda per aver diffuso il segnale criptato in assenza di accordo del legittimo distributore, attraverso l’utilizzo di scheda per uso privato in luogo aperto al pubblico.




Condividi