Trovato con fucili, coltelli e droga. Ecco la decisione del giudice su Cortese

CERVINO/SANTA MARIA CAPUA VETERE. Si è tenuta questa mattina nel carcere di Santa Maria Capua Vetere la convalida dell’arresto per il 25enne di Messercola, Giuseppe Cortese, nipote del defunto boss Angelo Cortese alias Marlon Brando.

Il pregiudicato di via Censi venerdì scorso era stato arrestato dalla polizia di Caserta nel corso di un’operazione antidroga.

Nell’abitazione che divideva con la sua convivente a Santa Maria Capua Vetere i poliziotti ritrovarono e sequestrarono 600 grammi di droga del tipo hashish, due coltelli, due fucili e numerose cartucce.

Cortese è comparso davanti al giudice Ivana Salvatore in compagnia del suo avvocato difensore, Giovanni De Lucia.


La difesa è riuscita a dimostrare che uno dei due fucili era difettoso, mentre un altro era a piombini, non proprio il massimo della pericolosità.

La droga in parte era per uso personale in quanto il ragazzo è assistito presso il SERT, e solo un coltello era sporco di hashish.

Il giudice ha accolto le istanze dell’avvocato De Lucia ha disposto la scarcerazione per Cortese concedendogli il beneficio degli arresti domiciliari presso l’abitazione di famiglia, in via Censi a Messercola di Cervino.

CORTESE




Condividi