Sindaco posta manifesto pro Juve, rivali glielo bruciano





CASTEL VOLTURNO. Castel Volturno ospita il Napoli, ma anche uno dei pochi sindaci che non ha paura di ammettere la propria fede calcistica per la Juventus, da queste parti più impopolare che mai. Così è bastato un post su facebook per scatenare prima l’ira social e poi qualcos’altro.

Dimitri Russo ha pubblicato sul suo profilo privato un manifesto bianconero con la scritta: “Castel Volturno”. Il tabellone si trova in paese ed ha suscitato prima l’indignazione di tanti concittadini e poi la rabbia di qualche scalmanato che nella notte lo ha dato alle fiamme, danneggiandolo.

L'articolo continua




_______Guarda il Video _________

Pronta la replica di Russo su facebook: “L’anno scorso quattro imbecilli ipocriti non tifosi mi contestarono l’aver postato una foto che riprendeva una scritta ironica sul muro della sede sportiva del Napoli. “Non per il contenuto oggettivamente ironico”, dissero tutti ipocritamente, “ma per il fatto che un sindaco non può postare un atto vandalico, avremmo sollevato la polemica anche se avesse pubblicato una foto con la scritta Viva l’Italia”. Oggi gli stessi imbecilli si lamentano, nuovamente con la stessa ipocrisia, perché ho pubblicato le foto di manifesti che legittimamente, senza offesa alcuna, con grande civiltà sportiva e pacatezza, i tifosi juventini hanno affisso nel paese, motivando la critica “perché dovrei impegnare il mio tempo per risolvere i problemi di Castel Volturno”, come se per pubblicare una foto, tra l’altro mentre sono a Bruxelles e sul mio profilo privato, ho impiegato chissà quanto tempo sottratto alla mia attività da sindaco. Magari i quattro imbecilli sono gli stessi che li hanno bruciati. Viva lo sport, viva il calcio, viva il tifo sano, vivo lo sfottò e la civiltà finoallafine!”

 
_______Guarda il Video _________
Condividi