Bernardo non doveva essere arrestato: ordinata immediata liberazione





SAN FELICE A CANCELLO. Mario Bernardo, il 45enne finito ai domiciliari nella giornata di giovedì, non doveva essere arrestato. E’ questo il verdetto dopo l’udienza di convalida questa mattina in Procura davanti al gip Minio.

Il giudice ha accolto nell’interezza la tesi dell’avvocato difensore Pasquale Vigliotti, non convalidando l’arresto e riqualificando il fatto come contravvenzione.

L’avvocato Vigliotti e Mario Bernardo

Come fatto comprendere dalla difesa, non si trattava di munizioni da guerra ma semplici munizioni per arma comune da sparo.

L'articolo continua




_______Guarda il Video _________

Minio ha decretato l’immediata liberazione di Bernardo.

L’operazione di giovedì era partita dai carabinieri di Torre del Greco che si erano avvalsi dei colleghi di Maddaloni, hanno operato una perquisizione presso la sua abitazione dove sono stati sequestrati 50 proiettili calibro nove del tipo parabellum, uguali a quelli utilizzati dalle forze dell’ordine.

Tutto inutile però, la tesi accusatoria è stata smontata questa mattina dall’avvocato Vigliotti.

_______Guarda il Video _________
Condividi