L'appalto milionario per la riscossione delle tasse finisce sempre nelle stesse mani

CASERTA. Sarà ancora la Publiservizi a gestire la riscossione delle tasse dei cittadini del Capoluogo.

La società con sede a corso Giannone di proprietà della famiglia Natale (oggi è Elena a guidarla operativamente) si è aggiudicata il nuovo appalto triennale con un’offerta di poco inferiore ai sette milioni di euro (a cui deve essere aggiunta l’Iva) a fronte di una base d’appalto che sfiorava i nove milioni di euro.

Proprio per questo motivo, in un primo momento, la commissione di gara della Stazione Unica Appaltante presieduta da Patrizia Carlucci aveva in un primo momento ritenuta anomala l’offerta (che è stata anche l’unica pervenuta al Comune di Caserta), chiedendo ‘giustificazioni’ alla società.


Elena Natale

Nel corso delle tre sedute tra fine luglio ed agosto i commissari hanno ragionato proprio sulle motivazioni consegnate dalla Publiservizi ed alla fine hanno inteso ritenere congrua l’offerta presentata ed affidare l’appalto per tre anni alla società che lo ha già gestito fino ad oggi (da gennaio era in proroga).




Condividi