L’appello in lacrime dei genitori di Andrea al giudice della Procura




SAN FELICE A CANCELLO. Come vi avevamo anticipato due giorni fa i genitori di Andrea Ruotolo, alla fine della puntata di ieri della trasmissione Chi l’ha visto, hanno rivolto un appello al gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere.
Ecco cosa ha detto la signora Angela Perrotta: “Se il magistrato ci vuole aiutare lo ringrazierò per tutta la vita che mi resta. Non si può archiviare ascoltate il grido di una mamma”.
Il padre Antonio in lacrime ha aggiunto: “Vi prego signor giudice fate giustizia, ci hanno abbandonato tutti”.

La settimana prossima ci sarà quindi questo verdetto, i genitori nel servizio firmato da Francesco Paolo Del Re a San Felice hanno ribadito alcuni capisaldi dell’intera vicenda, appellandosi sempre ai magistrati.
“Secondo noi è stato malmenato e picchiato prima di finire in acqua nel fiume. All’appello dell’autoposia mancano i vetrini rimasti in Albania che potrebbero fornire nuove prove, inoltre all’autoposia erano presenti anche agenti di polizia italiana, perchè non è stato messa a verbale questa cosa?
Inoltre chiediamo di acquisire e analizzare i telefonini di Andrea da cui furono scaricate delle foto da ragazzi che erano stati con lui in Albania“.




la signora angela mostra i telefonini e si appella al giudice

La madre ha mostrato alle telecamere i due telefonini. Poi i genitori son tornati sul video che ritrae Andrea quando si rivolge alla madre e dice “Guarda mamma come mi diverto”.
Secondo loro quel video continua e la seconda parte non è mai uscita fuori perchè conterrebbe particolari importanti sulla fine del ragazzo.
Vedremo se ci saranno sviluppi, oramai il tempo è davvero poco e se c’è qualcuno che sa cose inedite si faccia avanti ora…


Condividi