Minacce alla moglie, ma in casa gli trovano roba da guerra




VILLA LITERNO. I carabinieri della Stazione di Villa Literno (CE), in via Ombrone di quel centro, hanno proceduto all’arresto per detenzione illegale di arma alterata e da guerra e relativo  munizionamento, di Diana Vincenzo, cl. 1966, residente a Villa Literno.

I militari dell’Arma sono intervenuti presso l’abitazione dell’uomo su richiesta della moglie convivente la quale ha riferito di essere stata minacciata dal marito con una pistola.





A seguito dell’accurata perquisizione domiciliare, in cucina, sotto al frigorifero, i militari dell’Arma hanno rinvenuto una pistola Beretta cal. 9 mm. con matricola abrasa, completa di caricatore per munizionamento da guerra e 5 munizioni.

Inoltre, all’interno del cassetto di un mobile della camera da letto, sono stati rinvenuti  59 bossoli cal. 9  di cui 28 da guerra, 28 proiettili del medesimo calibro di cui 3 da guerra.

Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.

Diana Vincenzo è stato accompagnato presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale (NA).


Condividi