A

Rapina e uccisione in gioielleria: stanata la banda

FRATTAMAGGIORE. Svolta nelle indagini nella rapina ai danni della gioielleria Corcione. Tre persone, di 27, 29 e 41 anni, sono state ammanettate per il raid sabato 11 febbraio, a Frattamaggiore durante il quale , un commerciante ha ucciso uno dei banditi. E ora si scopre che uno dei fermati è ferito: un colpo di arma da fuoco, che appare riferibile proprio al giorno del colpo finito in tragedia.

Il bilancio quindi sarebbe: un morto, un ferito, quattro arrestati. E il gioielliere indagato per omicidio colposo.


Sono cinque i componenti della banda entrata in azione in corso Durante. Uno, Raffaele Ottaiano, è stato ucciso dal titolare aveva 32 anni. Uno dei rapinatori, Luigi Lauro, 28enne di Crispano, era stato arrestato dalla Polizia di reato in flagranza di reato. Le indagini poi hanno permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico degli altri due autori

Due dei fermati hanno reso confessione al pm nel corso dell’interrogatorio avvenuto questa notte nella Caserma dell’Arma di Caivano. Nei confronti del terzo, i gravi indizi di colpevolezza si ricavano dal rinvenimento, a seguito di perquisizione domiciliare, di un giubbino e di un paio di scarpe utilizzate, secondo un video acquisito, nel corso del tentato assalto.




Condividi