Preoccupazione a Portico per il possibile arrivo di diversi immigrati

Portico di Caserta. Grande preoccupazione a Portico per il possibile arrivo di diversi immigrati di prima accoglienza, almeno una quindicina già a breve potrebbero sbarcare in via Napoli, dove molte famiglie sono preoccupatissime.
Occorre fare un distinguo, tra prima e seconda accoglienza. Nel caso specifico di Portico arriveranno persone che non sono mai state in Italia, quasi dal barcone alla città.
Una vera beffa anche perchè il piano prevede una distribuzione tra i comuni della zona di 537 immigrati, e poco più di un centinaio potrebbero essere alloggiati a Portico.

In serata in Municipio è stata indetta dalla maggioranza Oliviero una assemblea a cui hanno partecipato anche i cittadini per rendere tutti edotti sullo stato dell’arte.
Per farla breve la situazione non sembra positiva in quanto l’attuale amministrazione non ha rinnovato lo Sprar a dicembre (servizio centrale del sistema di protezione per richiedenti).
Lo Sprar era stato portato avanti da Massaro prima e dal commissario Aldi, secondo l’opposizione che ha parlato tramite il suo leader, avrebbe permesso di limitare i danni con l’arrivo massimo di soli 25 immigrati in due tranche, ma soprattutto di seconda accoglienza, quindi già integrati con la lingua e sani dal punto di vista fisico.
La gente teme infatti che l’arrivo di tanti immigrati di prima accoglienza possa dare il là alla trasmissione di malattie.


Inoltre con lo Sprar approvato il Comune avrebbe potuto avere il bastone di comando e controllare l’operato delle coop.
Secondo alcune indiscrezioni in via Mazzini, quindi al confine con Macerata, avrebbero già affittato una palazzina capace di contenere una settantina di immigrati.
Una bella grana che rischia di pesare non poco pure su Macerata.
Di sicuro l’opposizione metterà in evidenza l’indecisionismo della maggioranza che ora vorrebbe procedere con lo Sprar, ma la procedura, diventando più lunga, non fermerebbe l’arrivo delle persone di colore di prima accoglienza.




Condividi