Addio Antonio, il ricordo degli amici

AGGIORNAMENTO. La città di Orta di Atella è incredula di fronte alla tragedia di questa mattina: Antonio Communara è stato trovato privo di vita all’interno dell’appartamento di via Garibaldi. Lascia due figli piccoli e un grande vuoto in tutta la comunità. Il 45enne era un ragazzo stimato e benvoluto, molto legato agli affetti familiari: in tanti lo ricordano per la sua passione per il calcio.

Fin da bambino aveva calcato i campi della zona e ormai 20 anni fa era stato un buon attaccante nei campionati minori: avevo vestito anche la maglia della Real Ortese, la locale squadra di calcio. “Buon viaggio” gli ha scritto un compagno dell’epoca, ricordando tempi felici che ora sono purtroppo lontanissimi.


AGGIORNAMENTO. La vittima si chiamava Antonio Communara, 45enne. Lascia due bimbi. Quando ha attuato il folle gesto era da solo. A scoprire il cadavere è stato un parente.

Orta di Atella. Indagano i carabinieri della locale stazione sul decesso di un uomo avvenuto questa mattina in via Giuseppe Garibaldi in circostanze ancora da chiarire. Stando alla prima ricostruzione la vittima è stata trovata impiccata all’interno dell’appartamento. L’ipotesi presa in considerazione è quella del gesto estremo.

L’allarme è stato lanciato poco prima delle 11 di questa mattina. Sul posto è giunta anche un’unità del servizio di emergenza, ma i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. A quel punto in via Garibaldi è giunta anche una pattuglia dei carabinieri della locale stazione per avviare le indagini del caso. I militari dell’Arma sono al lavoro per trovare eventuali elementi che possano spiegare la terribile azione (messaggi o biglietti).

Della vicenda sarà informata anche la Procura della Repubblica di Napoli Nord che dovrà decidere se disporre ulteriori esami sulla salma o restituirla ai familiari per il rito funebre. La tragedia è avvenuta nella zona centrale di Orta di Atella: in molti hanno appreso con grande dolore quello che appare come un gesto estremo.




Condividi