Forze dell’ordine all’interno dei treni: ecco le zone critiche

“Il tema sicurezza non può essere considerato un tema soltanto delle aziende di trasporto, ma è un tema di tutti, politico e sociale. Tutti devono fare la loro parte”. Lo ha detto il presidente dell’Eav, Umberto De Gregorio, che in occasione della riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è tenuta in Prefettura, a Napoli, ha avanzato quattro proposte.

“Oggi ho partecipato, sia a titolo personale che come amministratore di Eav, alle ore 15 alla manifestazione pacifica dei lavoratori, mentre si svolgeva il funerale del povero Francesco, che richiamavano l’attenzione sul tema sicurezza nel trasporto. La morte di Francesco, infatti, è soltanto un episodio estremo e gravissimo di una guerra in atto da anni, una guerra che provoca anche morti. Sia chiaro, una guerra che noi combattiamo con determinazione – spiega in una nota – con i lavoratori e con le forze dell’ordine, e che sta dando anche risultati positivi, come risulta dal report “analisi del rischio” Eav 2017 pubblicato sul sito aziendale. Ma occorre fare di più. Il tema sicurezza non può essere considerato un tema soltanto delle aziende di trasporto, ma è un tema di tutti, politico e sociale. Tutti devono fare la loro parte”.


Nell’incontro in Prefettura che si è appena concluso ho ribadito questi concetti. I lavoratori hanno bisogno di sentirsi vicini i cittadini e lo Stato. Ed abbiamo fatto quattro richieste specifiche – sottolinea – La prima, la istituzione di un osservatorio permanente per la sicurezza del trasporto pubblico locale. La seconda, la istituzione di un presidio Polfer presso la stazione Eav di Piazza Garibaldi. La terza, la presenza delle forze armate nelle stazioni ed a bordo dei treni ove sono state riscontrate le maggiori criticità (ore serali, treni circum per Sorrento e Baiano), (stazioni di Piazza Garibaldi, Santa Anastasia, Somma Vesuviana, Montesanto, Bagnoli, piave, traianol la trencia) con distinzione anche dei periodi dell’anno con maggiori criticità. La quarta un incontro diretto con i rappresentanti dei lavoratori in Prefettura”.

“Abbiamo trovato grande disponibilità nel Prefetto e nei rappresentanti delle forze dell’ordine. Queste le risposte – conclude – A brevissimo termine partiranno dei presidi nella zona di Piazza Garibaldi/Porta Nolana e presso il nodo di Piscinola Scampia. Verrà istituito un tavolo tecnico permanente. Verranno programmati interventi di controllo capillare presso le stazioni, in modo non sistematico ma spot al fine di ottenere anche l’effetto sorpresa. Verrà approfondita la possibilità di una convenzione POLFER/EAV. Il Prefetto si è detto disponibile a incontrare i rappresentanti dei lavoratori in un incontro a brevissimo termine”.




Condividi