Carcere sammaritano, in arrivo i finanziamenti per la nuova rete idrica

Santa Maria Capua Vetere. Qualcosa si muove per la realizzazione di circa 5 chilometri di condotta idrica per l’allacciamento della casa circondariale “Generale Uccella” e delle due aule bunker alla condotta idrica comunale. L’ufficio tecnico comunale, infatti, ha aggiudicato la gara per l’affidamento del servizio di progettazione e di tutte le indagini connesse al  RTP (Raggruppamento temporaneo di persone) studio tecnico Colosimo ed altri che ha offerto un ribasso, sull’importo fissato in complessivi 96 mila euro e 600, del 39,25 per cento  determinando l’importo netto di aggiudicazione in 58 mila 684 e 50 oltre IVA e cassa Previdenza per complessivi 15 mila 774,00 euro.


E’ il primo atto concreto, questo, per la soluzione del problema che negli ultimi anni è stato più volte denunciato e al centro di vibrate proteste da parte dei detenuti e dei difensori dei loro diritti che hanno posto in essere una serie di iniziative che sono valse a smuovere la burocrazia e concretizzare tutte quelle iniziative necessarie per risolvere il problema. Certo, ancora molto vi è da fare, siamo solo in una fase preliminare, ma le intenzioni ci sono e basta velocizzare solo le procedure per allacciare finalmente la casa circondariale ed il suo complesso alla rete idrica comunale alla quale, ovviamente, dovrebbe essere collegata anche l’isola ecologica di via Napoli che da anni va avanti senza acqua e servizi igienici.

L’unico problema è che la Regione Campania non ha ancora definito l’acquisizione del finanziamento di circa un milione e mezzo di euro, ma il finanziamento è assolutamente assicurato da una delibera di giunta regionale dell’aprile del 2016. E con i tempi che occorrono, si dovrà attendere qualche anno.




Condividi