Certamen Capuanum, vince Pasquale Martone del liceo Giannone

Santa Maria Capua Vetere (di Antonio Tagliacozzi). E’ Pasquale Martone del liceo Giannone di Caserta, il vincitore della quattordicesima edizione del Certamen Capuanum organizzato dall’amministrazione comunale in sinergia con il dipartimento di Lettere della università Luigi Vinvitelli di cui è preside la professoressa Maria Luisa Chirico.

La commissione ha premiato anche altri quattro studenti che si sono classificati nell’ordine e cioè: Federico Capitelli del liceo classico Cneo Nevio di Santa Maria, Antonio Sibila del liceo “Carducci” di Nola, Annamaria Angelillo del “Carducci” di Nola e Anna Gigliofiore del liceo “Diaz” di Ottaviano.

Dopo otto anni di forzata interruzione, infatti, si è svolta la 14 esima edizione del Certamen Latinum Capuanum, riservato agli studenti dei licei classici e scientifici di tutta Italia che si sono cimentati nella traduzione  di un brano di un noto autore latino. E’ stato premiato Giacomo Cardello, uno studente della terza C del liceo Nevio di Santa Maria l’autore del progetto per la realizzazione di un logo identificativo proprio della manifestazione che ha ricevuto un Lettore E – Reader. L’evento, come per le altre edizioni, si è svolto nell’aulario della facoltà di lettere dell’Università “Luigi Vanvitelli” e la cerimonia conclusiva si è tenuta presso il salone degli specchi del teatro Garibaldi.


La commissione giudicatrice era composta da: Sindaco, Direttore del Dipartimento di Lettere e Beni culturali dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, Dirigente scolastico dell’istituto comprensivo  Amaldi/Nevio, Dirigente settore cultura del comune di santa Maria e dai consiglieri comunali Elisabetta Milone e Umberto Pappadia.

Alla ultima edizione, svoltasi dal 14 al 16 aprile del 2010 parteciparono 56 studenti provenienti dai vari licei classici e scientifici d’Italia ed il primo posto fu assegnato a Stefano D’Alessio del liceo classico “Pietro Colletta” di Avellino che tradusse correttamente un brano di Seneca.




Condividi