Luca Abete aggredito nel Casertano: “Ho rischiato grosso”

Casagiove Luca Abete torna nel Casertano e ancora una volta viene aggredito. A salvare il popolare inviato del tg satirico di “Striscia La Notizia” è stato l’intervento della Guardia di Finanza che ieri mattina ha sbarrato le porte dell’ingresso del mercato delle pulci di Recale (che territorialmente si trova a Casagiove).

Stando a quanto ricostruito uno dei presenti, indispettito dalla presenza delle telecamera, ha afferrato Abete al collo, come ha egli stesso mostrato postando una foto sul profilo social:”Abbiamo rischiato grosso, l’intervento dei Baschi Verdi ha evitato il peggio! Grazie per il sostegno affettuoso e costante”.

Il servizio realizzato all’interno della fiera andrà in onda nel corso di questa settimana all’interno del tg satirico di Canale 5.

LE FOTO

IL BILANCIO DEI CONTROLLI DELLA GUARDIA DI FINANZA

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta, confermando la costante attenzione riservata al contrasto del dilagante fenomeno dell’abusivismo commerciale e della vendita di beni contraffatti, nella prima mattina di oggi ha eseguito dei controlli a tappeto all’interno del mercato domenicale che da anni viene allestito nell’area industriale del comune di Casagiove.

Circa 30 pattuglie, tratte dai Reparti territoriali dell’intera provincia, che alle 06:30 si sono presentate nell’area del mercato e hanno proceduto all’identificazione dei venditori ambulanti ivi presenti, controllando minuziosamente la liceità della merce esposta in vendita.


La vasta operazione si è svolta in una cornice di sicurezza garantita da diverse pattuglie in divisa che hanno presidiato gli accessi all’area, coadiuvate da un elicottero del Corpo in forza alla Sezione Aerea di Napoli.
Numerose le irregolarità rilevate sia sotto il profilo amministrativo-fiscale, che penale.
Nel dettaglio sono stati verbalizzati 6 venditori professionali per la mancata installazione del misuratore fiscale e ben 21 venditori abusivi, in quanto privi della prescritta autorizzazione amministrativa per l’esercizio del commercio ambulante, nei confronti dei quali è stata sottoposta a sequestro la merce illecitamente posta in vendita per un totale di oltre 2.000 pezzi tra attrezzi da lavoro (trapani, compressori, motoseghe, decespugliatori, idropulitrici), articoli di abbigliamento e dvd.

Tra i banchi trovata anche diversa merce di cui i venditori non hanno saputo indicare la provenienza, soprattutto attrezzi professionali da cantiere ed accessori auto (autoradio e navigatori satellitari). Centinaia anche i capi di abbigliamento e i profumi con marchi contraffatti, nonché i DVD e CD musicali “piratati”. Anche per questi articoli è scattato il sequestro, con la denuncia alla locale Procura della Repubblica di 6 soggetti per ricettazione, 2 per contraffazione e 1 per pirateria audiovisiva.

I controlli, infine, sono stati estesi anche all’associazione privata che si occupa dell’intera area del mercato e alla società cooperativa che gestisce l’ampio parcheggio a questa adiacente, che sono state sorprese ad avvalersi di ben 8 lavoratori in nero e per le quali è stata quindi avviata una più ampia attività ispettiva tributaria, anche sulla base delle evidenze e della documentazione rinvenuta all’atto dell’accesso.

IL VIDEO




Condividi