I PROFILI DEI FERMATI. Ecco chi sono i 4 sanfeliciani. FOTO E VIDEO

L’AGGIORNAMENTO

San Felice a Cancello. Legami di parentela, vecchie storie, qualche precedente. Non sono personaggi anonimi agli occhi degli investigatori quelli arrestati nel blitz di questa notte a San Felice a Cancello.

Secondo la ricostruzione della Dda di Napoli Giovannina Sgambato era il vero leader di questo organizzazione. E’ la sorella di Antonietta Sgambato, moglie del capoclan pentito Clemente Massaro, madre del ras Bartolomeo Massaro e sorella del defunto boss Giuseppe Vittorio Sgambato, ucciso in circostanze molto strane. Questa notte l’hanno beccata in via Gancio. Gli sparatori, a differenza dei pecurari, non si sono mai pentiti.

Michele Lettieri era l’attendente della Sgambato, già arrestato per associazione a metà degli anni 2000, residente in via Concezione. Enzo Ruotolo da via Cantariello, frazione San Marco è il cognato di un fratello del boss Raffaele Piscitelli. Carfora il cantante è stato beccato a Talanico, anche se è residente a Focrchia. Il gruppo grazie agli appoggi nel basso Sannio operava anche nei comuni limitrofi del Beneventano. Nel corso dell’operazione è stato utilizzato anche un elicottero per neutralizzare eventuali vie di fuga.

Vincenzo Carfora “cantante”
Enzo Ruotolo

IL PRIMO LANCIO

San Felice a Cancello. Nel corso della mattina odierna, i Carabinieri della Compagnia di Maddaloni (CE), con l’ausilio di militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Benevento, su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, hanno dato esecuzione all’ordinanza applicativa della misura cautelare in carcere, emessa in data 05 Aprile 2018, dal GIP presso il Tribunale di Napoli, nei confronti delle sottonotate persone poiché indagate per associazione per delinquere di tipo mafioso ed estorsione aggravata:

  1. CARFORA Vincenzo, detto “o’cantante”, classe 1969, residente a Forchia (BN);
  2. IANNUCCI Barbato Vincenzo, detto “enzuccio”, classe 1976, residente a Castelvenere (BN);
  3. LETTIERI Michele, detto “o’napulitano”, classe 1964, residente a Pignataro Maggiore (CE);
  4. RUOTOLO Enzo, classe 1975, residente in San Felice a Cancello (CE);
  5. SGAMBATO Giovannina, detta “a sparatora“a vecchiarella” “a signora”, classe 1950, residente a San Felice a Cancello (CE);

 

I cinque rappresentano oggi il potere camorristico sul territorio  dell’agro maddalonese/sanfeliciano, ma in realtà l’inchiesta ha avuto anche altri cinque indagati che, a vario titolo, hanno in qualche modo compartecipato con i primi alla realizzazione delle attività illecite a centro dell’inchiesta.

Il provvedimento restrittivo, scaturisce dall’impianto accusatorio acquisito nel corso dell’attività investigativa avviata, sotto la direzione del Sos. Proc. dr. Luigi LADOLFI, nel mese di settembre 2015 dai Carabinieri del Nucleo Operativo di Maddaloni, espletata in particolare attraverso l’esecuzione di un mirato e stringente monitoraggio intercettivo, sia telefonico che ambientale, integrato e implementato da aderenti servizi di osservazione dinamica, ma anche da verifiche, controlli, perquisizioni e/o ispezioni.

Siffatte apprensioni probatorie, hanno consentito di individuare un’organizzazione camorristica attiva sul territorio Casertano, nei comuni di San Felice a Cancello e Santa Maria a Vico in particolare, e in alcuni comuni della Valle Caudina, quale Forchia (BN), Arpaia (BN) e Paolisi (BN), costola dello storico “clan Massaro”, scompaginato a seguito di una serie di arresti e conseguente scelta collaborativa maturata dai suoi principali elementi verticistici.

Sono state altresì ricostruite diverse attività estorsive in danno di imprenditori e operatori commerciali, poste in essere dagli indagati avvalendosi della forza intimidatrice e della condizione di assoggettamento e omertà derivante dalla partecipazione, per l’appunto, alla compagine camorristica in trattazione, promossa e diretta da LETTIERI Michele e SGAMBATO Giovannina. In concreto, costoro, grazie all’organica e stabile partecipazione al sodalizio degli altri indagati, hanno rivitalizzato l’egemonia e il controllo camorristico nella Valle di Suessola, oltre ad aver a tal fine intrattenuto legami con il clan “Pagnozzi” attivo nella confinante Valle Caudina, perfettamente in linea a quanto succedeva in passato sotto la reggenza Massaro, con particolare riferimento alla definizione dei rispettivi ambiti territoriali di competenza.

Le numerose e univoche fonti di prova raccolte attraverso l’espletamento delle attività tecniche di intercettazione e di osservazione dinamiche, hanno trovato importantissimi elementi di riscontro sia dall’analisi delle dichiarazioni rese dai cc. di gg., sia delle sommarie informazioni rese da alcune delle vittime delle condotte estorsive all’uopo emerse.

LE FOTO DEL BLITZ

IL VIDEO

 

 

 

 

 

 

 




Condividi