A

‘La Reliquia di Santa Giacinta’ , la brillante commedia in scena al Garibaldi

Santa Maria Capua Vetere. (Nota stampa)  La reliquia di Santa Giacinta commedia brillante, divisa in due atti, si basa su una sceneggiatura semplice, dai ritmi serrati, con battute, doppi sensi e situazioni paradossali per un dissacrante spettacolo comico.

È la storia di una prostituta extracomunitaria che si trova a Napoli attirata da un uomo senza scrupoli che la costringe al mestiere più antico del mondo. Riesce a sottrarre i soldi per comprare un biglietto aereo per tornare al suo paese e fugge dal suo aguzzino, rifugiandosi nella Parrocchia di Santa Giacinta, dove trova Peppino, il sacrestano, che tenterà in tutti i modi di aiutarla a fuggire.


Nella parrocchia però c’è un intenso viavai e Peppino deve faticare non poco a nascondere la ragazza provocando tutta una serie di situazioni comico-surreali con un esilarante colpo di scena finale. Sulla scena del Teatro Garibaldi di S.Maria C.V. Venerdi’ 27 Aprile 2018 ore 20:30 con la regia di Claudio Merola ci saranno Luca Canzanella (Peppe il sacrestano), Nicola Melluso (Don Armando il parroco), Rosanna Rienzo (Juta), Rosa Lombardi (Zì Carmela), Annamaria Cappabianca (Zì Teresa) Claudio Merola (Tore ‘o sparatore) e Giuseppe Martellone (Gino a’ giarra)




Condividi