Forza Giuseppe: fermato conducente ubriaco. IL VIDEO CHOC DELL’IMPATTO

L’aggiornamento

Casal di Principe. La comunità di Casal di Principe si sta stringendo in queste ore intorno alla famiglia di Giuseppe C., il 34enne ricoverato in condizioni gravissime dopo l’incidente di questa notte. I carabinieri della Compagnia di Casal di Principe hanno fermato il conducente della vettura responsabile del sinistro: si tratta di giovane straniero residente a Cancello Arnone.

L’automobilista è stato sottoposto al test alcolemico ed è risultato positivo: è indagato per lesioni gravissime e guida in stato di ebbrezza. Decisive per ricostruire la dinamica del sinistro, avvenuto poco prima delle 5 del mattino, sono state le immagini delle telecamere di videosorveglianza installate nella zona tra piazza Villa e corso Umberto: confermato l’impatto frontale. L’automobilista, in stato di ebbrezza, non si sarebbe avveduto dell’arrivo della moto del povero Giuseppe.

IL VIDEO

IL PRIMO LANCIO DI EDIZIONE CASERTA


Casal di Principe. E’ stata un’alba di sangue sulle strade di Casal di Principe. Giuseppe C., 34 anni, è rimasto ferito in modo grave a seguito di un incidente. Stando alla ricostruzione dei carabinieri della Compagnia di Casal di Principe che, agli ordini del capitano Simone Calabrò, conducono le indagini sul sinistro il giovane era in sella alla sua moto quando si è scontrato contro una vettura.

Nell’impatto è stato sbalzato in aria finendo per essere investito ad anche da un’altra macchina. Lo schianto è stato terrificante e probabilmente è avvenuto a velocità sostenuta: nell’area di piazza Villa, nel centro di Casal di Principe, sono giunti immediatamente i mezzi di soccorso e i carabinieri della locale Compagnia.

Giuseppe è stato portato prima all’ospedale Moscati di Aversa: la gravità del quadro clinico ha convinto i medici a disporre l’immediato trasferito al Napoli. Il 34enne rischia l’amputazione di un braccio e di una gamba, falciate durante il terribile impatto. Meno gravi le condizioni degli altri ragazzi feriti nell’incidente, trasportati negli ospedali della zona.

 




Condividi