Blitz a Marcianise, scattano gli abbattimenti

Marcianise. Blitz antiabusivismo a Marcianise: il sindaco Antonello Velardi fa il punto sulla giornata di controlli e demolizioni.

“Stiamo continuando ad abbattere i tabelloni pubblicitari installati sul territorio di Marcianise. Sono decine, la massima parte sono illegali. Installati senza il rispetto di alcuna norma, con tasse mai pagate al Comune e dal Comune mai richieste. Stamattina è toccato ai tabelloni installati a ridosso dell’edificio del liceo Quercia.

I tabelloni erano piantati sul marciapiedi, deturpando il contesto urbano e chiudendo alla vista gran parte dell’edificio scolastico. Ma, soprattutto, erano installati a ridosso di un incrocio, anzi di un quintivio, e ciò è severamente vietato dalla legge. Non so chi abbia a suo tempo autorizzato l’installazione ma, per quanto mi riguarda, andrebbe preso a pedate.


I tabelloni pubblicitari sono un business vero. Non sono un esperto di queste cose, ma mi dicono – e non stento a crederci – che un tabellone di questo tipo frutta all’anno una cifra che oscilla tra i 14mila e i 16mila euro, al netto, anzi al nero. Fate un po’ i conti: è uno stipendio di un qualsiasi impiegato. Una pacchia per chi gestisce questi orribili monumenti alla bruttezza; una beffa per tutti quelli che la mattina si alzano e vanno a lavorare per guadagnare la stessa cifra.

Aggiungo che l’eliminazione di questi tre tabelloni contribuisce alla rideterminazione dell’immagine dell’intera area a ridosso della Misericordia. Dall’altra parte del quintivio, abbiamo abbattuto – come ben sapete – una casa abusiva costruita sul marciapiedi e abbiamo abbellito lo spazio con panchine e fiori intitolandolo a Pietro Zinzi, marcianisano benemerito.”

 




Condividi