Morto in piscina, aperta inchiesta sul 17enne: stava lavorando con un italiano

Caserta. E’ stata avviata un’indagine sulla morte del 17enne extracomunitario annegato ieri sera in piscina. Il giovanissimo per lavorare aiutava un italiano in lavori di potatura all’interno di una villa per cerimonie molto nota che era chiusa.

Secondo la ricostruzione fornita dagli investigatori, il ragazzino si è tuffato per un bagno nella piscina della struttura ed è annegato, probabilmente perchè non sapeva nuotare. E’ morto così, a 17 anni, un richiedente asilo della Nigeria.


L’episodio è accaduto a Caserta nella frazione pedemontana di Casola; lo straniero risultava residente in una struttura per migranti di Curti. Sul posto sono intervenuti Polizia e Carabinieri oltre al 118, e dai primi accertamenti è emerso che si tratta di incidente. E’ stata comunque disposta l’autopsia




Condividi