I funerali di Aniello: ecco perché il patron del pastificio Ferrara non c’era

San Felice a Cancello. C’erano proprio tutti al funerale di Aniello Bruno, San Felice a Cancello si è fermata per abbracciare questo bravo ragazzo volato via per una fatalità, un lavoratore stimato ed apprezzato nel suo ambiente.
C’erano tutti colleghi, alcuni dirigenti del pastificio ma mancava la proprietà della Guido Ferrara Spa, e cioè il figlio del compianto fondatore dell’azienda, Luca Ferrara.
A scanso di equivoci Luca Ferrara non è potuto essere presente ai funerali per via di un malanno di stagione che lo ha colpito già da un paio di settimane e ne avrà ancora per un pò. Per questo c’era soltanto il manifesto della proprietà.


Solo per questo motivo Ferrara non è venuto e non è stato presente nemmeno nelle ore successive alla tragedia, durante il sopralluogo della polizia e degli inquirenti della procura nolana.
Della famiglia, Luca Ferrara è l’unico che si occupa del pastificio, ed è rimasto molto colpito da questa improvvisa tragedia, anche perchè stimava moltissimo Aniello Bruno, punto di riferimento per tanti dipendenti.
Non entriamo nel merito delle indagini sulle responsabilità della tragedia, saranno gli inquirenti ad accertare quanto è accaduto in un’azienda considerata come un modello di avanguardia per le tecnologie ed i sistemi utilizzati.
Tutta la documentazione sulla sicurezza, ben quattro scatole, e le registrazioni della videosorveglianza, sono state consegnate alla polizia…
Resta solo il grande dolore per quello che è accaduto, dalla proprietà, ai dirigenti e per finire con i dipendenti e colleghi di Aniello.

IL PASTIFICIO



Condividi