Clan Schiavone, polizia in azione: nuova misura per 43enne

Casal di Principe. Blitz contro un sorvegliato speciale della fazione Schiavone dei Casalesi. Gli agenti della Questura di Isernia hano sottoposto alla misura di prevenzione della
Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza un 43enne dell’agro aversano, su disposizione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, con precedenti per associazione per delinquere di stampo mafioso e diversi reati tutti aggravati (per i cosiddetti fiancheggiatori delle
organizzazioni criminali).


L’uomo, ritenuto personaggio di spicco del gruppo camorristico facente capo a Francesco Schiavone detto Sandokan, sottoposto al Divieto di Dimora nella Provincia di Caserta, è domiciliato già da qualche anno ad Isernia dove è stato sottoposto, in passato, alla misura cautelare degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, riconosciuta la pericolosità sociale del 43enne, ha disposto l’applicazione di tale misura di prevenzione, con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza per la durata di anni 2 e mesi 6, con numerose prescrizioni tra cui, in particolare, quella di rimanere in casa tra le ore 21.00 di ciascun giorno e le ore 07.00 di quello successivo.

Il Questore di Isernia, Roberto Pellicone, ha inoltre emesso un provvedimento di Avviso Orale a carico di un 34enne di questa provincia, con pregiudizi di polizia per reati contro il patrimonio e reati concernenti gli stupefacenti, ritenuto anch’egli pericoloso per la sicurezza pubblica. Resta incessante il controllo della Polizia di Stato sui soggetti sottoposti a provvedimenti cautelari in questa Provincia al fine di garantire la sicurezza dei cittadini.




Condividi