Soldi alla Ippolito per l’arbitrato IAP, Nuzzo: “Il Comune questa se la poteva risparmiare”

San Felice a Cancello. Collegio arbitrale per la controversia con la IAP. Il Comune di San Felice paga l’acconto ai tre componenti. Sulla vicenda interviene l’ex sindaco Emilio Nuzzo.
Onestamente il comune poteva risparmiarseli questi soldi mettendo nel collegio o il segretario comunale o un dirigente comunale.
Ma la cosa peggiore che viene da fuori è quella relativa all’incarico esterno da parte del comune commissariato ad un ex assessore di un’amministrazione sciolta per infiltrazione camorristica”.
Nuzzo si riferisce all’avvocato Monica Ippolito che con i colleghi Barca e Sparano fa parte della terna. Per questa cosa riceveranno un totale di 12 mila euro a cranio, di cui la metà versati dall’Ente sanfeliciano.

Poi Nuzzo aggiunge: “Se questa cosa l’avesse fatta una amministrazione eletta dal popolo ci sarebbe stata l’indignazione di tutti”.


Torna quindi alla ribalta l’incarico alla Ippolito ne avevamo già parlato di recente e persino i 5 stelle si erano espressi in maniera negativa.
Monica Ippolito nel corso di quest’anno ha debuttato anche come scrittrice con un libro, ‘Il coraggio di vivere la politica’, che sta presentando un pò dappertutto e nel quale si parla molto della sua esperienza nell’amministrazione 3 di Pasquale De Lucia, di cui, bisogna ricordarlo, fu un elemento chiave per la rinascita.

 

 




Condividi