MarioPio, i filmati: giri in auto prima della fuga. Nessuna arma…

Marcianise. Alle 22.30 l’ultimo avvistamento. MarioPio Zarrillo sarebbe rimasto nella zona di via San Francesco per alcuni minuti prima della fuga. A fornire questo dettaglio sono i filmati delle telecamere di uno studio legale della zona che sono state acquisite dai carabinieri della Compagnia di Marcianise, impegnati in questa delicata indagine.

Un’attività che ha portato già i militari dell’Arma a controllare la Citroen C3 utilizzata da MarioPio prima di allontanarsi a piedi in direzione di Capodrise. Il 22enne aveva uno zaino in spalla, cosa inusuale per lui, e il cellulare in tasca: da allora però lo smartphone risulta spento. Gli investigatori hanno ricostruito gli ultimi momenti prima dell’allontanamento: l’auto di MarioPio nella prima serata di venerdì è stata avvistata in diverse zone di Marcianise. Vari giri, prima di accostarla in via San Francesco e di andare via.

Gli investigatori hanno escluso che MarioPio fosse armato: una voce quest’ultima, messa in circolo ieri, e categoricamente smentita sia dalle autorità che non hanno in mano alcun elemento che possa far propendere per questa ipotesi, sia da amici e persone vicine alla famiglia, indispettite per questa illazione. Il giovane ha semplicemente una licenza per accedere al poligono di tiro. Tutti descrivono MarioPio come un bravo ragazzo, impegnato nel sociale: fino a pochi mesi fa lavorava in una casa famiglia a Casagiove, mentre il padre è infermiere all’ospedale di Maddaloni. Un profilo che stona, per le persone più vicine, con l’ipotesi di un allontanamento volontario.


Tutta Marcianise è in ansia e lo stesso primo cittadino Antonello Velardi si è fatto portavoce di questo sentimento con un appello sui social: “I familiari sono disperati, in ambasce. Il papà Antonio tiene a sottolineare, mio tramite, che aspetta MarioPio a casa: gli chiedo – mi ha detto – di tornare subito, di non aver paura di nulla, di non temere qualsiasi reazione, di non continuare così come sta facendo. Nelle ricerche sono mobilitati i familiari, gli amici, la fidanzata. Diamo una mano anche noi: se qualcuno lo ha visto e sa qualcosa, si rivolga ai carabinieri di Marcianise. O, se preferisce, mi scriva pure, qui, in privato fornendomi elementi utili. Riportiamo MarioPio a casa, presto, subito, prima che sia tardi. Tutti insieme possiamo rintracciarlo.”

Gli amici intanto da questa mattina hanno dato il via a un volantinaggio per le strade di Marcianise.




Condividi