“Con lui sul palco”: da Aversa accuse a Grillo

Aversa. “Sono salito su un palco con lui davanti a 20mila persone” ha detto, parlando di Beppe Grillo, nell’aula del tribunale di Napoli Nord, ad Aversa, l’ex attivista del Movimento Cinque Stelle Angelo Ferrillo, esaminato nel processo in cui è imputato per diffamazione in seguito alla querela presentata a suo carico nel gennaio 2015 da Gianroberto Casaleggio, morto due anni fa; l’azione giudiziaria è stata poi proseguita da Davide Casaleggio, figlio del fondatore del M5S, costituitosi parte civile.

La querela partì dopo che nell’ottobre 2014 apparve un post sul profilo Facebook di Ferrillo, ritenuto lesivo della reputazione di Casaleggio. Nell’udienza del 26 marzo scorso, Beppe Grillo fu sentito come testimone e disse di non ricordarsi di “Ferrillo come iscritto”.


Oggi, Ferrillo, rispondendo alle domande del suo legale Marco De Scisciolo e poi del pm, ha affermato di non ricordarsi di aver scritto di persona quel post, anche perché nel 2014 era attivista della “Terra dei Fuochi”, oltre che dei Cinque Stelle e aveva una presenza sui social assidua.

Ferrillo ha ribadito che quel post non faceva alcun nome. Due mesi dopo il post dell’ottobre 2014, Ferrillo vinse il primo turno delle primarie Cinque Stelle per le Regionali, ma poco dopo, il 16 gennaio 2015, ricevette l’avviso con un mail dello staff di Beppe Grillo che contro di lui era stato avviato un procedimento per frasi ritenute offensive contro il Movimento. Il 28 gennaio Ferrillo fu espulso con una mail dallo staff di Beppe Grillo e a marzo gli venne comunicata dal Comitato d’Appello la bocciatura del suo ricorso contro l’esclusione.(




Condividi