Blitz della Finanza in Municipio: messi in atto 2 sequestri

AGGIORNAMENTO. Ecco le foto del sequestro PREVENTIVO da parte della Finanza che ha messo i sigilli. Si tratta della stessa area che aveva indicato l’associazione CambiaMente, anche se non sappiamo se questo blitz è collegato al quell’esposto di metà agosto che si era concentrato suprattutto sul travaso dei camion e sui liquidi che fuoriuscivano. L’esposto lo ripubblichiamo alla fine dell’articolo, così il lettore si può fare un’idea. Le foto coincidono, ora c’è molta più immondizia…

San Felice a Cancello. Blitz della Finanza a San Felice a Cancello. Le Fiamme Gialle hanno messo sotto sequestro il cassone dove viene scaricata la spazzatrie, di proprietà della ditta Ecosystem, si tratta proprio di uno scarrabile.

Inoltre è stata sequestrata sempre dai finanzieri l’area antistante il cimitero, quella che alleghiamo in foto, e che fu segnalata dal commercialista Giovanni Ferrara con un dettagliato esposto. Non sappiamo se la cosa è collegata, ma comunque il blitz riguarda le stesse cose che diceva il 40enne.
I finanzieri vi hanno apposto i sigilli e il verbale di sequestro è stato consegnato al commissario Esposito.
Insomma la cosa sembra piuttosto seria, la denuncia del commercialista si basava sulle operazioni di travaso che secondo lui facevano confluire i liquidi nella zona del piazzale.

 

LA ZONA SOTTOPOSTA A SEQUESTRO, INDICATA DA FERRARA NELL’ULTIMA DENUNCIA

QUESTO L’ESPOSTO DI FERRARA DI META’ AGOSTO

Premesso che:
In data 27/04/2018 con determinazione n° 25 reg. gen n° 129 del 9/5/2018 a firma del dirigente Settore II Dott. Andrea Sgambato, venivano acquistate n° 2 video camere mobili (foto trappole) aventi il costo di € 1708,00 IVA compresa, da affidarle al Comando di Polizia Municipale, al fine di contrastare il l’abbandono illecito di rifiuti lungo le strade comunali;
In data 07/06/2018 con provvedimento dirigenziale n. 143 a firma del Dott. Andrea Sgambato, venivano affidati i lavori di ripristino video camere risultanti inefficienti.
Constatato che su molte strade del territorio vi sono cumuli di rifiuti abbandonati di ogni genere, con la presenza di rifiuti pericolosi quali pneumatici, eternit, calcinacci;
Constatato che nell’area cimitero avvengono sotto la video camera istallata in quell’area le operazioni di travaso di rifiuti raccolti sul territorio, causando la perdita di pergolato, il quale viene scaricato nell’Alveo Arena c/o zona cimitero comunale, causando l’inquinamento delle falde acquifere, poiché tale alveo si interrompe nell’ex cava in località Tavernole.


Considerato che nella zona sopra citata vi è un aumento del tasso di mortalità per malattie oncologiche;
Viste le condizioni meteorologiche, con temperature alte, molte strade tra cui (Via Fosse, Strada di collegamento via Napoli (Cancello) – Via Polvica, Strada panoramica Talanico – Piedarienzo, Strada di collegamento Area Mercato – Cimitero comunale), risultano impercorribili in quanto la presenza di tali rifiuti causano odori nauseabondi”.
Fin qui l’esposto ma la rabbia di Ferrara e i suoi fratelli è tanta e si preannunciano ulteriori azioni legali.
A nome dell’associazione Cambiamente chiederemo per i gravi atti l’inizio della procedura di revoca per la gara d’appalto sui rifiuti.
Tutto cio non è più accettabile, sostenibile, chiediamo a chi di competenza provvedimenti seri”.

Poi i ragazzi di CambiaMente rincarano la dose:

LA TRIADE COMMISSARIALE

“Siamo convinti che ci sono gli estremi per la risoluzione del contratto, esercizio provvisorio, della raccolta fino alla nuova gara di appalto dove ci saranno una rimodulazione delle condizioni a vantaggio del comune e dei cittadini, con un abbassamento della tassa rifiuti, ci auguriamo che la terna dei commissari, possano già iniziarlo, e questo sarà un punto fermo nel programma elettorale dell’associazione politica CambiaMente”

 

 

 

FINANZA COMUNE DI SAN FELICE



Condividi