Blitz della polizia alle Poste, arrestato 25enne

Casapesenna. Nella tarda mattinata odierna, nell’ambito degli ordinari servizi di controllo del territorio, finalizzati al contrasto delle illegalità diffuse e dei reati in genere, Agenti della Polizia di Stato hanno tratto in arresto la sottonotata persona:

LIGUORI Marco, di anni 25, residente a S. Marcellino (CE), in quanto responsabile del reato contemplato dall’art. 497 bis c.p., per essere stato trovato in possesso di un documento di identità falso, ancorché riproducente le proprie generalità, valido per l’espatrio.

Già gravato da un precedente di polizia per reato di ricettazione, nella mattinata odierna il predetto si presentava presso lo sportello dell’ufficio postale di Casapesenna, ove esibendo un documento di sospetta fattura tentava di portare a compimento un prelievo di circa mille euro, da un conto corrente intestato a persona avente le medesime generalità.

Ma tradito da un certo nervosismo, dopo aver esibito quel documento d’identità il giovane mancava di destare sospetti nell’operatore dello sportello postale, il quale richiedeva subito l’intervento di una pattuglia del Posto Fisso Operativo di Casapesenna.

Intervenuti sul posto, gli Agenti del locale Posto di Polizia bloccavano immediatamente la fraudolenta operazione, non prima di avere verificato i possibili altri prelievi effettuati dal predetto nel corso della mattinata.


Infatti, da accertamenti svolti con l’ausilio dell’operatore postale, si poteva acclarare che solo poche ore prima il giovane aveva fatto già un prelievo di mille euro dal medesimo conto corrente postale, presso un altro sportello delle Poste Italiane della zona, senza pero aver destato, in quel caso, alcun  sospetto.

Accompagnatolo presso gli uffici del Posto Fisso Operativo P.S. di Casapesenna, gli Operatori di Polizia procedevano preliminarmente ai rituali accertamenti presso l’anagrafe del Comune di S. Marcellino, ove constatavano la totale falsità di quel documento, benché riproducesse le esatte generalità del giovane, la cui identità veniva peraltro confermata anche dalla successiva comparazione dattiloscopica eseguita presso l’ufficio di Polizia Scientifica di Aversa.

Alla luce di quanto acclarato, previa comunicazione al P.M. di turno presso il la Procura della Repubblica di Napoli Nord, il giovane veniva tratto in arresto e, successivamente,  come disposto da quella A.G., sottoposto al regime detentivo degli AA.DD. presso la sua abitazione di S. Marcellino.

Sequestrato penalmente il documento di Identità falso, nonché il conto corrente da cui il giovane aveva tentato di attingere denaro per la seconda volta nella medesima mattinata, sulla cui accensione seguiranno gli accertamenti da parte degli Agenti del Posto Fisso Operativo di Casapesenna, non escludendosi l’origine illecita dello stesso e del quantitativo ivi depositato.

 




Condividi