Rissa davanti a locale, coinvolto fratello di un politico

AVERSA. Stanno emergendo nuovi particolari in merito alla rissa scoppiata nei giorni scorsi in piazzetta San Paolo ad Aversa. Sembra infatti che nella lite sia rimasto coinvolto anche il fratello di un noto politico, che oggi ha anche un ruolo di primo piano sulla scena amministrativa normanna.

La rissa è scoppiata nella notte tra venerdì e sabato davanti ad un noto locale, già purtroppo altre volte finito agli onori della cronaca. Un bicchiere di troppo, parole pesanti che volano tra gruppi di ragazzi ed infine il contatto fisico: scene, purtroppo, viste e riviste che si sono materializzate davanti agli occhi di centinaia di avventori.

I più preoccupati hanno allertato le forze dell’ordine, anche se prima dell’arrivo dei militari sono volate sedie e tavolini tra i litiganti. Una persona è rimasta ferita dopo lo scontro. Come detto, purtroppo, non è la prima volta che in zona accadono episodi del genere.

In passato anche il titolare di un locale della zona è rimasto ferito nel tentativo di cercare di sedare la rissa. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine che pare abbiano identificato i ‘contendenti’.

Il consigliere alfaniano ottiene la delega dal sindaco

CASERTA. Il consigliere comunale Pasquale Antonucci ha ottenuto dal sindaco la delega alla Protezione civile. L’ufficializzazione è arrivata nel pomeriggio col primo cittadino Carlo Marino che ha firmato l’incarico per l’esponente di Alternativa Popolare, il partito del ministro Angelino Alfano.

“L’obiettivo – ha dichiarato il primo cittadino – è quello di ridare slancio e concretezza al Nucleo comunale di Protezione Civile, che è uno strumento di primaria importanza nell’ambito delle attività del Comune. Sono certo che l’esperienza e la passione del consigliere Antonucci gli consentiranno di svolgere questo ruolo nella maniera migliore, mettendosi a completa disposizione della città”.

L’accordo per la delega, in realtà, era stato già raggiunto nei giorni scorsi, quando Antonucci ha accettato di fare un passo indietro rispetto alla candidatura al consiglio provinciale che pure inseguiva da quasi due anni. Antonucci, però, aveva capito che gli spazi si stavano riducendo, anche perché nella lista dei Moderati (nella quale è confluita Alternativa Popolare) sono stati candidati altri due consiglieri comunali di Caserta città: Massimo Russo e Massimiliano Marzo. Su queste basi le chances di Antonucci di essere eletto in consiglio provinciale si sono assottigliate e l’esponente alfaniano ha deciso di accettare la proposta che gli è arrivata dal sindaco di avere un incarico importante come quello della Protezione civile.

Consigliere ferito alla testa dopo incidente stradale

AVERSA/CASAL DI PRINCIPE. Un giovedì da dimenticare quello del consigliere comunale di Casal di Principe Vincenzo Simeone.

Il politico è infatti rimasto coinvolto in un incidente stradale mentre, a bordo della sua automobile, si trovava ad Aversa. L’impatto è stato molto violento al punto da costringere Simeone a ricorrere alle cure del Pronto soccorso dell’ospedale San Giuseppe Moscati della città normanna.

I medici del nosocomio normanno gli hanno riscontrato un trauma cranico, ma poi hanno disposto le sue dimissioni con una prognosi di qualche giorno.

Vincenzo Simeone

Tantissimi i messaggi di affetto che hanno raggiunto il consigliere comunale sulla pagina Facebook ed è stato lui stesso a garantire sul suo stato di salute in serata.

Simeone sarà protagonista anche alle prossime elezioni provinciali di ottobre, visto che proprio da qualche giorno ha annunciato la sua candidatura.

Si dimette un altro consigliere 5 Stelle: è il terzo in quattro mesi

SANTA MARIA CAPUA VETERE. Quarta ‘faccia nuova’ in consiglio comunale per il Movimento 5 Stelle. Dopo le dimissioni di Giovanni Rossi e Marilena Angelini, arrivano anche quelle di Teresa De Bernardo.

L’ex candidata a sindaco ha protocollato questa mattina la propria decisione di lasciare lo scranno di Palazzo Lucarelli per “motivi personali”.

Una scelta che sicuramente non farà felice i tanti attivisti del Movimento 5 Stelle che l’han sostenuta alle amministrative, portando il gruppo a conquistare ben due consiglieri comunali.

Teresa De Bernardo ha guidato il Movimento 5 Stelle alle ultime elezioni amministrative di Santa Maria Capua Vetere

Al posto di Teresa De Bernardo entrerà in consiglio comunale Domenico Garofalo (che alle amministrative raccolse 81 preferenze personali) che farà coppia con Silvia Cauli. Da maggio ad oggi è il terzo consigliere comunale che si dimette dal consiglio comunale di Santa Maria Capua Vetere.

Lettera anonima contro consigliere: “Metodi mafiosi, vogliono zittirmi”

AVERSA. Carmine Palmiero ancora al centro dell’attenzione. Stavolta, però, non c’entrano, almeno direttamente, le polemiche politiche che lo hanno visto protagonista della cronaca per la sfiducia subita (ma che sembra nulla) da presidente della commissione Politiche sociali.

Stavolta l’esponente di Noi Aversani ha ricevuto una lettera anonima che gli lancia addosso accuse pesanti: non è chiaro se la stessa lettera sia stata recapitata anche ad altri amministratori.

Ma Palmiero non si è fatto assolutamente intimorire, al punto da recarsi direttamente dalla polizia per denunciare il fatto.

Poi è stato lui stesso a commentare la vicenda su Facebook: “Avete presenti i metodi camorristici? Ecco, contro di me questa mattina si è consumata un’azione che io definisco mafiosa. Qualcuno, per zittirmi, mi ha fatto recapitare una lettera dove mi accusa di varie cose. Questo per intimidirmi e farmi chiudere la bocca rispetto ai loro imbrogli e alle loro varie illegalità. Peccato per questi signori, avranno l’esatto effetto opposto. Se le autorità di polizia a cui mi rivolgerò mi autorizzeranno, pubblicherò qui la lettera anonima di questi vigliacchi”.

L’azione nei confronti di Palmieri, comunque, dimostra che la tensione ad Aversa sta salendo alle stelle. La crisi politica che ha portato il sindaco Enrico De Cristofaro a fare fuori il gruppo di Noi Aversani dalla maggioranza non ha fatto altro che aumentare alle stelle la tensione.

Fratello del consigliere arrestato per 2 rapine, su Facebook scrive: "Colpa delle dipendenze"

AVERSA. Una rapina ad un distributore ed un’altra ai danni di tre ragazzini: sono queste le accuse che hanno portato in carcere Francesco Innocenti, 27 anni di Aversa, fratello del consigliere comunale Giovanni.

E proprio quest’ultimo, proprio per il suo ruolo di rappresentante istituzionale della seconda città della provincia di Caserta, ha voluto spiegare su Facebook qualcosa in più.

La mia attività politica fin dall’inizio è stata orientata in un percorso di sensibilizzazione di tematiche sociali ed in special modo alla creazione di uno sportello di indirizzo e ascolto per famiglie e persone che vivono il disagio derivante dalla piaga delle dipendenze. Questa triste vicenda spronerà sempre di più il mio impegno politico nel sociale”.

 

Il provvedimento cautelare è scaturito a seguito degli approfonditi accertamenti svolti dai militari dell’Arma, che hanno consentito di acquisire gravi indizi di colpevolezza a carico dell’uomo in ordine alla commissione di due rapine, avvenute rispettivamente in Aversa, il 5 maggio 2017, presso il distributore “Esso” ubicato in via Vito di Jasi, dove dietro minaccia di un cacciavite nei confronti di un dipendente, asportò 300 euro, ed il successivo 23  giugno 2017, in via Perla, ai danni di tre giovani a cui, dietro minaccia di un coltello, si fece consegnare due telefoni cellulari.