Il post di un familiare di Biondillo innesca una polemica

SAN FELICE A CANCELLO. Riprendiamo un post di oggi dell’avvocato Luigi Mazzone che ci sembra abbastanza interessante.

“VEDO E LEGGO  DI COME CAMBIA IL CLIMA A SAN FELICE A CANCELLO.

AL SOLITO DONNE DI FERRO DI CUORE E DI ANIMO. NON MI PIACE CHE SE LA PRENDANO CON NOI DI SAN FELICE A CANCELLO  PER ERRORI DEI LORO CONGIUNTI O DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA.

NESSUNO GODE DEL DRAMMA DI UNA PERSONA DELLA SUA FAMIGLIA E DEI SUOI FIGLI.

NESSUNO CHE AMA LA POLITICA A SAN FELICE SI È PERMESSO DI DIRE UNA PAROLA CONTRO.

TUTTI AMMUTOLITI.

A PARTE I CONCORRENTI SPECULARI POLITICI.

ALLORA CARA DONNA FAI I NOMI DI CHI HA GODUTO NELLO SPUTARE VELENO. IO PER CONTO MIO POSSO SOLO DIRE SE NON È ARTE NOSTRA ESSERE CITTADINI  NON È ARTE DI TUO MARITO ESSERE POLITICO.

ALMENO PER ME. IN BOCCA AL LUPO E CHE REGNI LA GIUSTIZIA. ANCHE SE IO MI SONO ROTTO DELLA COMPETIZIONE VIA PIZZONE VIA FIUME.

E NON SOLO IO”.

LUIGI MAZZONE

Fin qui il post dell’avvocato Luigi Mazzone, ci sembra chiaro che il messaggio sia rivolto alla moglie dell’ex assessore Clemente Biondillo, da due giorni per lui non ci sono più misure restrittive nell’ambito dell’ordinanza DDA sul Comune di San Felice. La signora aveva in precedenza fatto un post su facebook  dove un passaggio recitava così: Spero che chi ha giudicato si rimangi tutto il veleno versato”. 

Ci rifacciamo alla nota stampa dell’avvocato Vannetiello, il legale di fiducia di Biondillo: “La rimessione in libertà consentirà agli indagati di affrontare con serenità il processo che ancora non ha avuto inizio”.

C’è quindi ancora un processo da fare: stiamo a vedere…

Clemente Biondillo