Rogo nella notte, supermercato in fiamme. IL VIDEO

MARCIANISE. Sono ancora sul posto i vigili del fuoco intervenuti massicciamente questa notte per fronteggiare le fiamme divampate all’interno del market Premium (ex “Super Più”) di viale Francesco Evangelista. Un incendio avvertito distintamente anche dai residenti del vicino rione Santella che, in realtà, per una volta si sono sbagliati: pensavano di trovarsi di fronte all’ennesimo rogo tossico ed invece si trattava di tutt’altro.

Poco dopo le 4, infatti, le fiamme sono divampate all’interno del supermercato. Da una prima ricostruzione pare che il tutto abbia avuto origine in uno dei locali destinati al deposito della merce ma su questo ed altri punti c’è in corso un’indagine da parte dei carabinieri della locale Compagnia, agli ordini del capitano Luca D’Alessandro. All’arrivo della gazzella dei militari proveniente dalla caserma di viale XXIV Maggio sul posto c’erano già cinque squadre dei vigili del fuoco impegnate nello spegnimento del rogo. Oltre alle unità del distaccamento di Marcianise sono giunti anche altri rinforzi dal comando provinciale. In totale tre autobotti ed altri due mezzi di supporto che sono riuscite, non senza fatica a localizzare le fiamme ed a spegnerle.

A quel punto sono cominciati i rilievi che sono tutt’ora in corso. Stando ad una prima ricostruzione l’incendio è stato avvertito per l’odore acre, ma non visivamente. Le fiamme sono divampate all’interno e non erano visibili nemmeno da quanti abitano in zona. Ovviamente le indagini di carabinieri e vigili del fuoco sono aperte a tutte le piste, ma se tale ipotesi dovesse essere avvalorata dai rilievi allora prenderebbe corpo la pista di un rogo originato da un corto circuito o comunque da un guasto improvviso. Soltanto la relazione dei pompieri del distaccamento di Marcianise che sarà redatta nelle prossime ore farà luce su quest’episodio. Ancora in corso di quantificazione i danni che sono comunque ingenti, stando alle prime stime.

IL VIDEO

Sky pezzotto, è finita la pacchia: la Finanza chiude tutto

REGIONALE. La Guardia di Finanza ha concluso l’operazione “Match Off 3.0” contro la pirateria televisiva on-line: i finanzieri del Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche – diretti da Nicola Maiorano della Procura di Roma – hanno individuato a Napoli tre centrali di trasmissione di programmi televisivi, gestite da una persona residente in Svizzera, ma di fatto domiciliato a Scampia, che aveva creato una sofisticata infrastruttura per la decodifica del segnale di Sky e Mediaset Premium.

 

Le Fiamme Gialle hanno denunciato 4 persone, sequestrato oltre 76.000 euro, di cui circa 18.000 in contanti, 17 carte postepay, 235 decoder, 104 smart card e 43 personal computer. Sono state inoltre trovate decine di fotocopie di documenti di persone del tutto ignare, vittime di “furto d’identità”. L’indagine è stata rivolta al contrasto del fenomeno della IPTV, cioè la trasmissione via web di eventi sportivi, film, serie televisive e concerti, senza possederne i diritti.

 

In particolare le Fiamme Gialle hanno accertato che venivano offerti programmi televisivi pirata sia in modalità “streaming live” cioè in diretta, che in modalità “streaming on demand” fruibili, quindi, a richiesta degli internauti. Con un abbonamento annuale di soli 70 euro, pari al prezzo mensile di un abbonamento legale, si aveva libero accesso a tutti i canali della varie pay-tv, senza alcuna limitazione.

Nei confronti dei promotori della vasta rete di clienti ramificata su tutto il territorio nazionale, è stata contestata la violazione del diritto d’autore che prevede la reclusione fino a 4 anni e la multa di 15.000 euro.