Turismo e cultura i temi del convegno con Bosco e De Luca

SANTA MARIA CAPUA VETERE. “Terra di Lavoro e Regione Campania tra turismo e cultura”: è questo il titolo del convegno organizzato dal consigliere regionale di ‘Campania libera – Psi – Davvero Verdi’ Luigi Bosco, alla presenza del governatore Vincenzo De Luca.

L’incontro si terrà martedì 12 dicembre a partire dalle ore 17, presso la Tenuta Re Ferdinando di via Pimpinella a Santa Maria Capua Vetere. Dopo i saluti istituzionali delle autorità presenti, ci sarà l’intervento del vicepresidente della commissione alle Attività produttive e Turismo Bosco e le conclusioni affidate al governatore della Campania De Luca.

Locandina del convegno

«Durante l’incontro di martedì 12 dicembre a Santa Maria Capua Vetere con il presidente De Luca – ha affermato Bosco – faremo il punto su quanto fatto e su quanto c’è ancora da fare per la provincia di Caserta. Si discuterà soprattutto di turismo, con l’imminente attivazione dei Ptl e la valorizzazione dei beni culturali di Terra di lavoro».

Litorale Domizio, ecco il piano regionale per il rilancio

REGIONALE. La Regione Campania ha siglato un protocollo d’intesa con i comuni della costa campana per la rigenerazione e la valorizzazione del Litorale Domizio – Flegreo. Si tratta di interventi da realizzare nell’ambito del PO FESR 2014-2020, già programmati dalla deliberazione n. 301 del 21/06/2016, con l’obiettivo di una “pianificazione integrata per ambiti di territorio campano che necessitano di interventi di nuova infrastrutturazione, di riqualificazione e rifunzionalizzazione delle infrastrutture esistenti, di risanamento ambientale, di valorizzazione del patrimonio storico-artistico e naturale e che favoriscano la “crescita dell’occupazione e della ricchezza”, come si legge nel protocollo d’intesa, per una “programmazione degli interventi sul suddetto litorale”.

I comuni interessati della provincia di Caserta sono Cancello ed Arnone, Carinola, Castel Volturno, Cellole, Falciano del Massico, Francolise, Mondragone, Parete, Pozzuoli, Sessa Aurunca, Villa Literno, oltre a Bacoli, Monte di Procida e Giugliano in Campania per la provincia di Napoli. Il piano previsto dalla Regione individua i seguenti punti di intervento:

  1. a) Rigenerazione ambientale finalizzata alla riqualificazione paesaggistica ed alla bonifica dei territori;
  2. b) Sicurezza e legalità finalizzata a potenziare le politiche e le strutture per la riduzione del disagio sociale e per favorire azioni di sicurezza e legalità;
  3. c) Accessibilità finalizzata al rafforzamento della mobilità di collegamento con i principali punti di arrivo dei flussi turistici;
  4. d) Rigenerazione urbana finalizzata al recupero urbanistico dell’area individuata e promozione di azioni per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio naturalistico e storico archeologico;

Lo stesso protocollo d’intesa, si legge nel documento, ha previsto in ossequio al masterplan d’intervento dei “processi partecipativi e di partenariato istituzionale”, oltre ad “intese tra i soggetti pubblici coinvolti, con i soggetti privati interessati”, mediante “l’istituzione del tavolo permanente dei Sindaci, quello dei referenti tecnici degli Enti locali e delle Amministrazioni coinvolte ed il tavolo tecnico del partenariato.”

Sul tema è arrivato il commento del consigliere regionale Giovanni Zannini: “Esprimo la mia profonda soddisfazione per questo imponente piano d’intervento voluto dal Presidente De Luca, il quale ha sempre dichiarato di collocare il rilancio del Litorale Domizio-Flegreo tra i punti d’intervento con maggiore priorità dell’azione di governo regionale. I fatti cominciano a darci ragione: questo protocollo d’intesa – continua il consigliere regionale – prevede il coinvolgimento di tutti i comuni costieri, oltre che di alcuni a ridosso della costa, i quali lavoreranno alla progettazione del loro rilancio di comune accordo con la Regione ed in sinergia tra loro. Ed è proprio l’aspetto sinergico – conclude Zannini – ad essere di fondamentale importanza, per il recupero ambientale ed un maturo ed efficiente sviluppo turistico.”

Valorizzazione Terra di Lavoro: ecco il convegno con De Luca

CASERTA/SAN LEUCIO (Antonio Morlando Piscitelli). Si terrà nella giornata di domani un importante convegno al quale sarà presente anche il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

L’evento dal titolo “Caserta e il territorio provinciale tra le priorità della Regione Campania per lo sviluppo e la valorizzazione di Terra di Lavoro”  avrà inizio alle ore 17:00 circa presso il Real Sito Belvedere a San Leucio ed avrà come obiettivo principale quello di illustrare i futuri progetti che la Regione intende realizzare per valorizzare tutta l’area di Terra di Lavoro.

Ospiti illustri saranno presenti all’evento non solo come invitati, ma anche come relatori. Infatti a presentare l’importante convegno sarà l’On. Alfonso Piscitelli, consigliere regionale e Presidente della I Commissione Permanente Affari Istituzionali, impegnato in prima linea in questo progetto della regione. Presente attivamente sarà anche il sindaco di Caserta, Carlo Marino. Infine il Presidente Vincenzo De Luca chiuderà l’evento con un suo intervento, improntato a mostrare quelli che sono i progetti ed i propositi concreti che la regione ha intenzione di mettere in atto in Terra di Lavoro. L’evento è organizzato dalla Regione Campania in collaborazione con Città di Caserta e con Campania in movimento.

‘Salviamo il museo campano’, lettera aperta al Presidente De Luca

Caro Presidente,

Le scriviamo a nome della rete di associazioni che da tempo si stanno battendo per salvare il Museo Campano. Per noi questa è una battaglia di civiltà per il riscatto di Terra d Lavoro, come hanno sostenuto Il Mattino ed Il Sole 24 Ore; di recente lo ha ribadito anche Vittorio Sgarbi, insieme ad altre personalità come Massimo Bray, Giuliano Volpe, Paolo Rumiz, d. Peppino Centore ed altri importanti intellettuali.

Ma nei fatti cosa sta accadendo? Nonostante le lotte e le iniziative messe in campo in questi mesi dalla rete di associazioni (a partire dall’appello del TCI con la raccolta di migliaia di firme; da Capuanova con il progetto Adotta una madre), per chi oggi visita il Museo si trova di fronte ad una situazione sconfortante, ad un processo di lenta agonia. Infatti, il personale è ridotto al lumicino (solo alcune unità sono in attività, a fronte di una pianta organica di circa 20 addetti previsti). Allo stato la Regione si fa carico delle spese per i pochi dipendenti attivi, mentre la Provincia ha sospeso ogni tipo di fornitura – compresa quella delle pulizie. Non vi sono risorse per le ordinarie attività di manutenzione e di gestione delle sale espositive e degli uffici, tantomeno per sostenere azioni e campagne per la promozione e l’accoglienza dei turisti e visitatori.

Come è avvenuto in questi giorni, a chi visita il monumento  appare uno spettacolo deprimente ed inquietante. In questo modo, a seguito di una sgangherata riforma delle province, rischia di deperire uno dei gioielli culturali ed artistici, simbolo della nostra identità e memoria storica, un monumento bene comune, patrimonio dell’umanità. Di fronte a questo scenario di logoramento, l’on. C. Sgambato in una sua dichiarazione ostenta fiducia per il futuro del nostro museo (beata lei!) e dichiara che  “il sottosegretario Cesaro ha già approntato ed inviato in Regione i protocolli d’intesa che ora attendono di essere solo firmati da Comune, Provincia e Regione per la gestione del Museo Campano”. Dopo oltre 10 mesi dalla sua proposta in un convegno pubblico, ora noi ci chiediamo: cosa si aspetta  per indire questo tavolo tecnico ed istituzionale da cui dovrebbe scaturire una soluzione adeguata per garantire un futuro certo al monumento? Per inciso ricordiamo che è stato ammodernato,  ristrutturato ed inaugurato alcuni anni fa dall’allora presidente della Repubblica  on. Giorgio Napolitano).

A questo punto ci rivolgiamo a Lei per chiedere di porre attenzione ed affrontare questo problema, che è comune anche agli altri Musei Provinciali della Campania. Al prof. Maffettone abbiamo già illustrato il caso in diverse occasioni. Sia chiaro che anche noi auspichiamo un Protocollo d’intesa tra le varie istituzioni interessate per la risoluzione del problema; ma vogliamo capire con quale proposta  amministrativa e di gestione per garantire il rilancio di un bene comune fondamentale. Siamo anche pronti a confrontarci per mettere in piedi un progetto di valorizzazione e di sostenibilità – sul modello della Fondazione Real Sito di Carditello. Capua è l emergenza, una delle tante del nostro territorio, ma occorre  una strategia per Terra di Lavoro  in cui anche la Reggia sia parte integrante e non parte a sé – questo è il ruolo che si chiede venga esercitato dalla Regione

Come abbiamo sostenuto nel Forum “Ripartire con la cultura”, occorre aprire un confronto serio sui temi del polo museale e del patrimonio artistico di Terra di Lavoro come volano di sviluppo locale, innovazione e coesione sociale, con moderni servizi e funzioni capaci di connettere i vari siti ed itinerari turistici, di fare rete ed integrazione di competenze, a partire dal ruolo delle istituzioni e degli enti locali, in cooperazione con la Regione ed il Governo.

In attesa di un riscontro, auguriamo buon lavoro.

Cordiali saluti.

Prime Adesioni

Pasquale Iorio                   www.lepiazzedelsapere.it

Capua 3 luglio                   Associazione socioculturale

Camilla Berbabei             Segretatia Provinciale CGIL

Camillo Cantelli                Presidente Nazionale Arciragazzi

Maria Luisa  Chirico        DILBEC Università Vanvitelli

Milena Biondo                  WWF Caserta

Paola Broccoli                   Rcercatrice Università del Molise

Francesca Buonajuta     Antiville

Alfonso Caprio                  Insegnante

Carlo De Michele              Le Piazze del Sapere

Andrea Di Nino                 Manager sportivo

Ferruccio Diozzi                Amici Città della Scienza

Piero Giani                         Presuidente UISP Caserta

Maria Rosaria Iacono    Vice presidente Nazionale Italia Nostra

Elpidio Iorio                        Pulcinellamente

Ilaria Longobardi             Bianconiglio Boockrossing

Elisabetta Luise                 Presidente Auser Caserta

Mario Luise                        Cià sindaco di Castel Volturno

Paolo Mandato                Pianeta Cultura

Antonio Malorni              CNR, Ass. Culturale Narrazioni

Stefano Mollica                Presidente Aislo

Andrea Mongillo              Confederdia Campania

Cira Napolitano                Camera di Commercio

Matteo Palmisani            LIPU Caserta

Anna Parente                    Cià Drigente scolastico, Auser Caserta

Silvio Parente                    Consorzio SVIMER

Raffaele Picardi                Presidente Italia per Il Mondo

Giancarlo Pignataro       Presidente Italia Nostra Provinciale

Umberto Riccio                 CasertaTurismo

Annamaria Troili              TCI Capua

Giuseppe Ventriglia        AIF Campania

Adolfo Villani                     Consulente Finanziario

Andrea Vinciguerra        Capuanova

Michele Zannini                Acli Caserta

Lello Zito                             Agenda 21 per Carditello